SALMA HAYEK

Salma del Carmen Hayek Jiménez-Pinault

(Coatzacoalcos, Messico 2 settembre 1966)

“Tutti si preoccupano di cosa faranno quando avranno 60 anni. Io lo so: farò la regista.”

Salma Hayek, il cui nome completo è Salma del Carmen Hayek Jiménez-Pinault, nasce nello stato di Veracruz in Messico. La madre era una cantante d’opera mentre il padre un industriale libanese. Trasferitasi negli Stati Uniti, precisamente in Louisiana studia all’Accademia del Sacro Cuore e le viene diagnosticata la dislessia.Quando aveva 12 anni venne espulsa dalla scuola che frequentava a New Orleans per eccessiva esuberanza: in seguito le vennero diagnosticate la sindrome da deficit di attenzione e iperattività e una forma di dislessia, corretta nel tempo.

La sua carriera di attrice inizia giovanissima, nel 1989 è una star della televisione con la telenovela Teresa.

La fama la porta al successo di pubblico ma anche di critica tanto che nel 1993 ottiene una nomination a un importante premio televisivo messicano con il film El Callejón de los Milagros.

Il suo esordio negli USA arriva grazie al regista Robert Rodriguez nel 1995 e al film Desperado in cui recita al fianco di Antonio Banderas. Da subito Salma Hayek diventa un sogno erotico per gli uomini di tutto il mondo, soprattutto dopo aver partecipato al film “Dal Tramonto All’alba” dove recita con Quentin Tarantino e George Clooney e per anni è stata inserita nella classifica delle 50 donne più belle e desiderate di People.

La sua carriera alterna commedia per tutta la famiglia a film di nicchia e alle commedie amare come Amore a Doppi Senso, che interpreta e co-produce e film demenziali come Dogma.

Criticatissima per la sua parte nel film “Wild Wild West” di Will Smith, in quel periodo interpreta e co-produce (di nuovo) un film come “Nessuno scrive al Colonnello”, adattamento di uno scritto di Gabriel Garcia Marquez.

In questi anni, e durante tutta la sua carriera cerca di portare alla portata di tutti tanti temi importanti come la violenza sulle donne sia come attivista che portavoce sia alle cause dell’UNICEF.

Cerca di sperimentare con Timecode e Hotel, entrambi degli inizi del 2000 e nel 2002 interpreta il suo ruolo più importante ovvero “Frida” nel biopic dedicato all’artista, nel film recita al fianco di Alfred Molina. Questo lavoro le vale una nomination agli Oscar, ai Golden Globe e Al BAFTA come miglior attrice protagonista.

Nel 2006 interpreta con Colin Farrell l’adattamento del romanzo di John Fante Chiedi alla Polvere e Bandidas. Agli inizi degli anni Dieci del Duemila si rilancia al fianco di Adam Sandler nel blockbuster Un Weekend da Bambonccioni e dando la voce a diverse pellicole animate.

Dare la voce a un cartone animato mi ha aperto la mente, e mi ha permesso di mettermi in gioco di più di quello che faccio solitamente, quando i registi mi chiedono solo di essere bella. In questo film, ho potuto esprimermi a più ampio raggio.” (ha detto a proposito del suo lavoro ne Il Gatto con gli Stivali).

Nel 2015 partecipa a Il Racconto dei Racconti di Matteo Garrone e nel 2021 ha preso parte al controverso House of Gucci. Dal 2006 è sposata con François-Henri Pinault, uno degli imprenditori più ricchi del mondo e con il quale ha una bellissima figlia Valentina Paloma.

Amo l’Italia e non ero mai stata in Sicilia prima. È stata una bellissima esperienza; gli italiani mi hanno fatto sentire a casa e sono stati molto affettuosi. Per un pò di giorni siamo stati in un paese che non aveva più di trenta abitanti e dopo poco ero già diventata amica di tutti e trenta. Mi hanno insegnato a fare il formaggio e mi sono divertita molto anche perché con me c’era mia figlia che ha fatto amicizia con delle ragazzine italiane anche se lei non parlava italiano e loro non parlavano inglese.

L’attrice è impegnata da anni nella campagna contro la violenza di genere e contro la discriminazione verso gli immigrati.

© copyright 2022 – tutti i diritti sono riservati