CRISTIANO RONALDO – IL FENOMENO

Cristiano Ronaldo, cyborg dal cuore d’oro: 36 anni in 34 curiosità

 

Il fenomeno della Juventus è sempre stato un perfezionista: il macchinario della Nasa per allenarsi, i bagni nella vasca ghiacciata, il posto stabilito su pullman e aereo.

Da ragazzo è stato venduto per 20 palloni, oggi è il personaggio più seguito sui social.

Trentasei candeline sulla torta per Cristiano Ronaldo. Dritte, impeccabili, proprio come lui.

Passano gli anni, ma il fenomeno portoghese resta il perfezionista di sempre: un professionista esemplare, attento ai dettagli (anche estetici), che questa stagione ha deciso di rimettersi in gioco con la Juventus.

Uomo dei record, sensibile ai complimenti, a tratti pure permaloso e scaramantico: ecco i 34 aneddoti che raccontano CR7, che da giovane fu scambiato per venti palloni e oggi è diventato un’icona mondiale.

Cristiano Ronaldo, 36 anni in 34 curiosità

1 – «Quando mi accorsi che ero incinta di Cristiano», ha detto mamma Dolores, «avevo già tre figli. Allora pensai di abortire, ma il dottore non accolse la mia richiesta. Optai per una soluzione casalinga, ma pure quella non funzionò». Era destino che nascesse CR7.

2 – Il nome Cristiano è dovuto alla fede cristiana della madre, mentre Ronaldo fu scelto in onore di Ronald Reagan, presidente USA dell’epoca e attore preferito del papà.

3 – Nel 1998 gli fu riscontrata una tachicardia congenita che si sarebbe potuta rivelare fatale: si sottopose così a una delicata operazione chirurgica che gli ha permesso di continuare a giocare.

4 – L’infanzia non è stata facile per i problemi economici familiari: quando arrivava a casa prendeva solo uno yogurt e un pallone e tornava in strada, a volte fino a mezzanotte. «I residenti non erano contenti, disturbava sempre», ricorda il proprietario di un bar del quartiere.

5 – Il papà faceva il magazziniere in una piccola squadra, dove Ronaldo mosse i primi passi: l’Andorinha, che lo vendette al più blasonato Nacional per 20 palloni e 12 magliette.
«Nessuno poteva immaginare che diventasse così forte», ha detto il presidente dell’epoca.

6 – Il suo primo allenatore lo soprannominò Abelhinha (apetta, ndr) perché in campo non si fermava mai.

Presto però gli fu affibbiata anche l’etichetta di «piagnone», perché si lamentava per ogni contrasto e non voleva mai perdere.

7 – Il successo di Ronaldo è stato reso possibile da Albert Fantrau: insieme si contendevano il trasferimento allo Sporting Lisbona, ma nell’ultimo provino Fantrau passò il pallone a CR7 per segnare il gol decisivo.

«Era giusto che andasse lui»: ha detto. E Ronaldo, diventato famoso, è tornato a ricompensarlo.

8 – Nel 2010 è diventato papà per la prima volta, seppur l’identità della madre non sia mai stata svelata. Il fatto curioso è che Cristiano Junior è diventato subito un grande fan di Messi, acerrimo rivale del papà.

9 – La prima fidanzata da copertina al fianco di Ronaldo è stata la modella Irina Shayk: il rapporto però si è interrotto nel 2015, dopo 5 anni, e lei ha dichiarato che accanto a lui si sentiva «brutta e insicura».

Ma il gossip dice che un ruolo fondamentale nella rottura lo ha avuto mamma Dolores.

10 – Nella vita di Cristiano, infatti, la mamma ha sempre ricoperto un ruolo fondamentale, sopratutto dopo la morte prematura di papà José Dinis a causa dell’alcolismo. A lui CR7 dedica tutti i gol.

11 – Anche le sorelle sono molto attaccate a Ronaldo, tant’è che Elma si è lasciata andare a un assurdo sfogo sui social quando CR7 non ha vinto l’ultimo Pallone d’Oro: «E’ colpa della mafia, questo sistema è marcio».

12 – Ronaldo, come tanti atleti attenti a qualsiasi particolare, è pure superstizioso: mette sempre prima il calzino al piede destro, che è pure il piede con cui entra in campo.

In aereo si siede sempre nelle prime file, mentre in pullman il suo posto è quello in fondo.

13 – Rispetto al 90% della popolazione mondiale, ha un ossicino in più nella caviglia destra.

Un’anomalia rispetto al corpo umano standard che però si è rivelata un vantaggio per CR7.

14 – Non ha tatuaggi sul corpo, altra caratteristica di CR7. Perché? Per motivi di salute.

Essendo un donatore di sangue, si è sempre rifiutato di farsi iniettare inchiostro sotto pelle: per mesi infatti non potrebbe donare a causa del rischio infezioni.

15 – Ha uno stile di vita esemplare: non fuma, non beve ed è molto attento all’alimentazione. «Una volta sono andato a cena da lui e a tavola c’erano solo insalata, pollo e acqua», ha rivelato il suo compagno Evra. «Non andate a mangiare a casa sua».

16 – «Dopo mangiato è andato a nuotare», ha concluso Evra.

In effetti non è una novità l’ossessione di CR7 per il fisico: «Ricordo che quando tutti in compagni andavano via con le fidanzate, lui restava altri 40 minuti nella vasca ghiacciata per rimettere a posto il suo corpo», ha detto Ancelotti.

17 – D’altronde per allenarsi al meglio è pronto a far follie: ha acquistato per 2 milioni di euro un macchinario della Nasa che gli permette di fare esercizi e correre in assenza di gravità.

18 – Tra le spese folli di CR7, spicca l’isola greca regalata al suo storico agente Jorge Mendes in occasione del suo matrimonio: qualcuno, in Portogallo, ha parlato addirittura di 50 milioni spesi.

19 – Oltre dieci milioni li ha spesi per una sua grande passione: le auto.

In garage pare abbia circa venti supercar tra Ferrari, Lamborghini e Bugatti, alcune in edizione limitata.

Ma in macchina non è uno a cui piace andare forte: non si segnalano multe per eccesso di velocità.

20 – Una multa salatissima l’ha dovuta pagare per risolvere la sua questione col fisco spagnolo: accusato di quattro reati, ha patteggiato una sanzione da 18,8 milioni di euro.

Uscendo dal tribunale però è apparso comunque sorridente: «Todo perfecto».

21 – Cos’avrebbe fatto nella vita se non avesse portato avanti la carriera di calciatore? Probabilmente il ballerino o l’attore.

Almeno così dice lui, seppur non abbia mai dato una vera dimostrazione delle sue doti.

22 – In quanto a recitazione, Ronaldo adora Angelina Jolie. Tra i suoi attori preferiti ci sono pure Jim Carrey e Denzel Washington, mentre il film che preferisce è Universal Soldier.

23 – Ronaldo si è spesso distinto anche per i suoi gesti di beneficenza: nel 2012, per esempio, ha venduto all’asta la Scarpa d’oro destinando il milione e mezzo ricavato al finanziamento di scuole per i bambini di Gaza.

Celebri anche gli 80mila euro donati a un bambino spagnolo per un’operazione al cervello.

24 – Campione anche fuori dal campo: dopo aver rotto il naso involontariamente a una tifosa juventina con un tiro, l’ha invitata di recente al centro sportivo bianconero e le ha regalato una maglietta con dedica e autografo.

25 – Ronaldo ha vinto 31 trofei di squadra e 97 personali: è l’uomo dei record, da sette stagioni consecutive segna più di 10 gol in Champions League. Nell’ultima, l’incredibile gol in rovesciata alla Juventus, applaudito dai tifosi bianconeri (che forse così lo hanno convinto a trasferirsi).

26 – Cristiano d’altronde è vanitoso e permaloso: adora i complimenti e non sopporta le critiche. Celebre lo scontro con l’ex presidente della FIFA, Sepp Blatter, che nel 2013 imitò Ronaldo facendo ironicamente il verso del robot.

Lui non la prese benissimo…

27 – Da buon vanitoso, invece, è attentissimo al look, soprattutto all’acconciatura: si dice che nell’intervallo di ogni partita si prenda qualche minuto per sistemare la sua impomatata chioma.

28 – In tema di abbigliamento, sono bandite dal guardaroba le camicie a mezze maniche e gli scarpini da gioco neri: «E’ convinto che quel colore porti lentezza nella sua testa», ha rivelato il vicepresidente di Nike. «Lui invece vuole andare sempre al massimo».

29 – Inarrestabile, anche quando è infortunato: nel 2016 ha regalato al Portogallo il primo Europeo della sua storia.

E’ uscito in barella dopo un brutto contrasto, ma dopo la medicazione si è messo vicino al suo allenatore e ha trascinato la squadra anche da fuori grazie al suo carisma.

30 – Tanti artisti hanno provato a riprodurre Cristiano, ma in molti hanno fallito clamorosamente: su tutti spicca il busto firmato da Emanuel Santos, posizionato all’aeroporto di Madeira.

Un’opera criticatissima visto che sembrava più una caricatura.

31 – Da vero gentiluomo, un giorno a Las Vegas ritrovò un cellulare per terra, rispose alla chiamata della proprietaria e – oltre ad offrirsi di riportarglielo – la invitò pure a cena fuori: «Non mi sembrava vero», commentò la protagonista dell’incredibile siparietto.

32 – A Las Vegas, però, Ronaldo ha pure un’altra brutta faccenda da sbrigare: nel 2009 infatti fu accusato di stupro e recentemente quella stessa donna, Kathryn Mayorga, è tornata a parlare del fatto rivelando che CR7 avrebbe pagato per il suo silenzio.

33 – Ronaldo procede per la sua strada, sia a livello professionale che familiare. Oltre al calcio, infatti, le sue priorità sono la fidanzata Georgina (che forse a breve diventerà sua moglie) e i quattro figli: Cristiano Jr., i gemellini Eva e Mateo e la piccola Alana Martina.

34 – Tra i vari primati di Ronaldo, ce n’è anche uno social: è lui la persona più seguita su Instagram.
Ora comanda la speciale classifica con oltre 259 milioni di follower.

(Fonte bit.ly/3awCSU6)