UNO STRANO IMPERATORE : ELIOGABALO 3.780 views - 9 Febbraio 2021 – Pubblicato in: Biografie – Tags: , ,

Questo qui:

Per semplicità elencherò semplicemente tutte le sue follie:

Eliogabalo (o Elagabalus) governò l’impero dal 218 al 222 e fu senza dubbio l’imperatore più strano che sia mai salito sul trono.

    1. Adorava rinchiudere gli amici in stanze piene di leoni e tigri. Le tigri e i leoni erano addomesticati e non selvatici, quindi questo non finiva in modo violento – semplicemente amava spaventare le persone
    2. Gli piaceva organizzare cene e servire agli altri cibi finti mentre lui mangiava cibo vero. Avrebbe costretto i suoi ospiti a cenare con il cibo falso obbligandoli ad apprezzarlo.
    3. Eliogabalo adorava il pene, lo adorava VERAMENTE. In effetti, la sua religione (di cui parlerò più avanti) era basata su “immagini falliche”.
    4. Eliogabalo amava il sesso più di ogni altro imperatore e questo non è poco. Si dice che andasse nei bordelli e scacciasse le prostitute in modo che potesse fingersi lui stesso una prostituta. Costruì una grande “camera del sesso” nel palazzo e dicono rimanesse nudo sulla porta a chiedere di fare sesso ai passanti. Avrebbe fatto cercare in tutta la città gli uomini con un grosso **** e avrebbe organizzato feste sessuali spettacolari con loro. Molti degli uomini più “dotati” di Roma si trovarono a ottenere posizioni politiche di alto livello sulla base delle loro dimensioni.
    5. Mentre Eliogabalo era nato biologicamente maschio, probabilmente oggi sarebbe classificato come un transgender. Questa è almeno la teoria più comunemente accettata. Personalmente penso che fosse solo un po’ pazzo, ma ne discuteremo più avanti.
    6. Ovviamente, per rispecchiare la sua identità di genere, si vestiva spesso da donna
    7. La sua relazione più lunga è stata con il suo guidatore di bighe Ierocle. A Eliogabalo piaceva farsi chiamare “la moglie di Ierocle” o la “regina di Ierocle”
    8. Ha chiesto a un medico di rimuovere i suoi genitali e sostituirli con genitali femminili, anche se non ha mai vissuto abbastanza a lungo da farlo davvero e probabilmente sarebbe morto durante l’operazione
    9. Anche se non c’è niente di sbagliato nell’essere transgender oggi, le cose non erano cosi nella Roma di allora. Non si parlava propriamente di diritti dei transgender. Non ci sono nemmeno resoconti registrati sul fatto che qualcuno fosse effettivamente una persona transgender nell’antica Roma. I romani erano guerrieri patriarcali che predicavano la moralità della vita semplice e contadina rispetto a una vita di ricchezza ed eccessi. Quindi il loro imperatore, il loro rappresentante e sovrano indiscusso, che si riferiva a se stesso come la regina di un guidatore di bighe era un enorme imbarazzo e un segno di debolezza per i Romani. Questo comportamento sembra già strano adesso, non possiamo nemmeno immaginare cosa volesse dire allora.
    10. Il modo migliore per descriverlo sarebbe come avere per presidente un “furry” (n.d.t. una sottocultura di persone provano attrazione feticistica nel vestirsi da animali e fingere di esserlo) e che il presidente abbia potere assoluto di vita e di morte. Non è un “furry” che ammette “sia solo un feticcio” ma una persona che pensa di essere davvero per metà una volpe, sempre travestita, che ci governa a vita.
    11. Ha avuto 5 mogli nel suo breve regno di 4 anni. Le abbandonava o tornava da loro a suo piacimento. Il suo matrimonio più controverso fu con una vergine vestale. Questo era un ENORME affronto agli dei e al popolo di Roma. Le vergini vestali erano sacre. Erano l’epicentro della religione romana e anche toccarne uno poteva farti giustiziare. Molto tempo fa Roma aveva una serie di re, al periodo della fondazione della città, ma questi re furono scacciati per sempre da una rivolta quando uno di loro violentò una Vestale. Questa storia dell’ultimo re è probabilmente un mito ma veniva ritenuto vero ed è stata la storia su cui è stata costruita Roma. Quindi avere un imperatore (un po ‘come un re) che costringeva una Vestale a sposarlo era un affronto per Roma.
    12. Metteva i suoi giovani amici in posizioni altissime nel governo con effetti disastrosi
    13. Pensava di essere un dio. Oltre ad essere l’Impero romano, era il sommo sacerdote del dio del sole Elgabal, da cui il suo nome. A lui importava molto di più di questa posizione rispetto a quella dell’imperatore e questo spiega perchè: come parte fondamentale della sua religione, avrebbe trascorso le sue notti a organizzare sontuose feste rituali dove avrebbe sacrificato gli animali e ballato nudo.
    14. Si è praticamente liberato della religione romana. Ha sfidato direttamente gli dei romani sostituendo il culto di Giove e di tutti gli dei con Elgabal. Ha anche costretto il Senato a seguirlo in questo culto del dio sole. Ciò non solo ha fatto infuriare i romani, ma li ha spaventati nel profondo: quali orrori avrebbe fatto piovere Giove Ottimo Massimo sulle teste dei romani una volta che si fosse reso conto di essere stato abbandonato per qualche dio del sole orientale?
    15. Era siriano o comunque di origine mediorientale. Di per sé non c’era nulla di strano in questo, ma il modo in cui lo sfoggiava era un po’ particolare. Non ha mai iniziato a vestirsi come un romano, parlare come un romano o comportarsi come un romano: sembrava intenzionalmente ignorare o andare contro quasi ogni norma sociale. Questo è stato un attacco diretto al popolo romano – stava dicendo “la cultura siriana è migliore” e i romani se la sono legati al dito non poco.

 

Ora, queste sono le storie che sono disposto a credere vere. Ci sono storie molto più strane su di lui registrate nella storia. Ma spesso quando un imperatore è odiato, le cose vengono esagerate o semplicemente inventate per cancellare la sua eredità. Detto questo, molto di ciò che è stato scritto su di lui è vero.

Alla fine, ne hanno avuto abbastanza. Quando si sparse la voce che il giovane erede Alessandro era morto o tenuto prigioniero nel palazzo, la guardia reale (i pretoriani) si ribellò e chiese che Alessandro fosse immediatamente consegnato loro. Se Eliogavalo non avesse accolto la richiesta lo avrebbero ucciso. Senza altra scelta, Eliogabalo portò Alessandro al campo pretoriano. Le guardie hanno subito accolto il giovane Alessandro come loro Cesare (imperatore) e hanno immediatamente ucciso Eliogabalo. Alla fine, questo periodo ebbe poca importanza. Le sue riforme religiose furono spazzate via, i suoi incaricati di corte furono licenziati e ogni altra legge che approvò fu cancellata. Non ha governato abbastanza a lungo da fare alcun danno reale e è passato come una nota a piè pagina della storia.

Probabilmente Eliogabalo non era una cattiva persona, a dire il vero, se qualcuno di noi fosse stato nei suoi panni forse non saremmo stati troppo diversi. Aveva solo 14 anni quando divenne imperatore e i quattordicenni con il potere diventato terribilmente autoritari ed esaltati. Tutti abbiamo eccessi e difetti nelle nostre personalità. Tratteniamo i nostri impulsi e desideri a causa della nostra maturità, per questo i bambini invece non sono molto moderati o pazienti. Siamo anche frenati dalla vita. Forse ti piacerebbe giocare d’azzardo, ma il tuo reddito limitato ti impedisce di giocare molto. Forse ti piace bere o abusare di certe droghe, ma le tue responsabilità e le tue finanze ti impediscono di esagerare. Eliogabalo non aveva vincoli né maturità. Trascorse gli anni della sua educazione in ​​eccessive ricchezze. Non solo era un bambino quando divenne il sovrano indiscusso del mondo, ma aveva denaro e potere infiniti. Era la legge fatta a persona e poteva fare come gli pareva. Abbina questo a circa la metà del PIL dell’Impero romano (che possedeva direttamente) e hai una ricetta per il disastro. Eliogabalo era strano e imperfetto, ma non fu mai crudele come altri cattivi imperatori. Non ci furono epurazioni, esecuzioni di massa e guerre, quindi, nonostante i suoi numerosi difetti, non era poi così male. Alla fine, probabilmente era solo un bambino, uno stupido bambino con gli ormoni impazziti che poteva letteralmente fare tutto ciò che voleva. Chiediti – a 14 anni cosa avresti fatto? Saresti stato un saggio sovrano capace di guidare uno dei più grandi imperi di sempre, o quando avevi 14 anni avresti anche organizzato feste sessuali sontuose? Se fossi stato io, penso che le feste sarebbero state anche più grandi.

Ogni volta che guardiamo agli imperatori “cattivi” o “pazzi” generalmente vediamo che tutti hanno 1 cosa in comune: erano TROPPO giovani.

Caligola aveva 24 anni quando divenne imperatore

Commodo aveva solo 16 anni quando divenne co-imperatore

Caracalla (che in realtà non era cosi malvagio ma è normalmente considerato terribile) aveva solo 19 anni

Nerone aveva solo 18 anni quando assunse il trono.

Nel frattempo, tutti i grandi e leggendari imperatori come Traiano e Antonino Pio erano uomini di mezza età quando salirono sul trono. In effetti, ogni buon imperatore era di mezza età con l’eccezione di Augusto che aveva tutto il talento e l’abilità che gli dei avrebbero mai concesso a un uomo di meno di 30 anni. Questi uomini erano maturi, esperti, addestrati e impegnati mentre i loro terribili colleghi erano solo bambini che possedevano le chiavi di qualunque cosa volessero. Semplicemente questi imperatori terribili o pazzi non erano necessariamente persone cattive: erano solo bambini dotati di ricchezza e potere oltre ogni immaginazione. C’è davvero da meravigliarsi sul perché Commodo fosse ossessionato dal diventare un gladiatore o perché Caligola fosse così depravato sessualmente o perché Nerone fosse più interessato alla musica che al potere? Ancora una volta, chiediti: a 16 o 18 anni avresti fatto di meglio?

(Fonte Web trad. A.Mann)