PANZA CHINA VOLI STINNICCHIU

Panza china voli stinnicchiu

La Sicilia si sa è famosa per suoi paesaggi naturali straordinari: natura incontaminata e mare cristallino. Sempre più meta di villeggiatura per turisti da tutto il mondo. Ma, cos’altro rende la Sicilia degna di essere scoperta?

Magari la sua cucina! La cucina siciliana è un elemento importante dell’isola. Essa affonda le radici nella sua storia che gira attorno ai tanti popoli e culture che l’hanno formata. Tanto della sua cucina ritroviamo nell’influenza degli Arabi, dei Normanni, dei Greci, degli Ebrei, dei francesi e degli spagnoli.La cucina siciliana, variegata e articolata, è alle volte ritenuta essere la più ricca di specialità e la più scenografica d’Italia.  Grazie al suo clima mite, la Sicilia è ricca di spezie e piante aromatiche, come: l’origano, il basilico, il rosmarino, la menta…le quali vengono utilizzate largamente nelle sue ricette.

Che dire poi degli arance e limoni di Sicilia. Della gran quantità di mandorle, pistacchio, olive, ficodindia che sono altri simboli culinari nei quali l’isola eccelle.

Gran parte della cucina siciliana si basa sull’uso di verdure fresche come melanzane, peperoni e pomodori. Ci troviamo in un’isola e quindi in un posto di mare, di conseguenza è imprescindibile la presenza di piatti tipici a base di pesce come tonno, orata, branzino, seppie e pesce spada.

Tra i cibi più noti della cucina siciliana, ci sono ovviamente la cassata e il cannolo siciliano, le arancine o arancini (tutto dipende se siete a Palermo o a Messina), gli iris, la granita. Oltre a queste pietanze note in tutto il mondo, ce ne sono tante altre a diffusione esclusivamente locale che, nella maggior parte dei casi si tratta di varianti della stessa ricetta regionale. Questi, in alcuni casi, hanno una preparazione e una commercializzazione rilevata esclusivamente nella zona di origine, ne è un esempio il caso delle panelle palermitane.

Una volta compresa l’importanza del buon cibo nella bella Sicilia, ecco che comprendiamo la vera importanza del suo detto “Panza china voli stinnicchiu” che significa “La pancia piena pretende un pisolino”.

Dopo una grossa abbuffata è fondamentale per il popolo siculo concedersi una “siesta”, cioè un riposino pomeridiano ristoratore.

Questo modo di dire è il primo nella lista di quelli che vengono chiamati i 10 comandamenti del paesano, che sono molto particolari ed unici nel loro genere. Dopo un pasto ricco e soddisfacente, l’impegnativa attività digestiva ci costringe ad assopirci il tempo necessario al suo completamento.

Quindi, vi è chiaro? Per i siciliani lu stinnicchiu (il riposino) è d’obbligo dopo una bella mangiata!

© copyright 2022 – tutti i diritti sono riservati.