MICHELANGELO BUONARROTI : STO ANCORA IMPARANDO

18 Febbraio 1564 moriva Michelangelo Buonarroti

Protagonista del Rinascimento italiano, già in vita fu riconosciuto

dai suoi contemporanei come uno dei più grandi artisti di tutti i tempi. Personalità tanto geniale quanto irrequieta, il suo nome è legato ad alcune delle più maestose opere dell’arte occidentale, fra cui si annoverano il David, il Mosè, la Pietà del Vaticano, la Cupola di San Pietro e il ciclo di affreschi nella Cappella Sistina, tutti considerati traguardi eccezionali dell’ingegno creativo.

Lo studio delle sue opere segnò le generazioni artistiche successive dando un forte impulso alla corrente del manierismo.

Ad 87 anni disse :“Sto ancora imparando”

La parola italiana imparare deriva dalla forma del latino parlato *imparāre, che, propriamente, significava ‘acquistare’ e risultava composta del prefisso rafforzativo in– e del verbo parāre‘procurare’.
La prima volta che imparare è documentato in un testo scritto italiano è in Dante (Purgatorio, VI, 3): «repetendo le volte, e tristo impara», «per la similitudine del giocatore della zara, che, avendo perduto, ripete le giocate, per trarne qualche ammaestramento» (Enciclopedia dantesca).
(Fonte Wikipedia e Treccani)