DAL NOME PROPRIO AL NOME COMUNE

IL NOME PROPRIO

In linguistica, un n. proprio è una notazione specifica adottata da una comunità o da un organismo amministrativo allo scopo di identificare e distinguere una persona (in questo caso si parla di antroponimo), un luogo o un’altra entità geografica (toponimo), una popolazione, una istituzione, un evento, un movimento culturale, un fenomeno sociale, un fenomeno oggetto di studio scientifico, una grandezza fisica,

un’entità matematica (come un numero, una curva, una figura, o un teorema).Sul piano della denotazione, i nomi propri si distinguono, talora si giustappongono (e qualche volta si contrappongono) ai nomi comuni ed agli appellativi. In diverse lingue sono contraddistinti dall’iniziale maiuscola. Il nome proprio esprime il massimo di definitezza, in quanto individua univocamente un individuo. All’estremo opposto sta il pronome indefinito.[1] Il diverso statuto di nomi comuni e nomi propri può riflettersi sul piano morfosintattico. Tipicamente i nomi comuni possiedono un plurale e sono accompagnati da uno specificatore. Di contro, i nomi propri non hanno plurale e lo specificatore che li accompagna è fisso o del tutto assente.[2] Un importante punto di contatto tra nomi comuni e nomi propri sono le figure di antonomasia (le “sineddoche d’individuo”, come le ha chiamate Pierre Fontanier), dove un uso particolare dei determinatori trasforma un nome proprio in nome comune o viceversa (un Attila, il Poeta).[3]

L’onomastica in generale e le più specifiche antroponimia, toponomastica ed etno-toponomastica studiano i nomi, le loro origini e il loro significato, sfruttando le metodologie proprie della linguistica e operando le necessarie ricerche di ordine storico e antropologico. (Fonte Wikipedia)

 

Ed oggi con la nostra professoressa Valeria argomenteremo su:

“Dal nome proprio al nome comune”

 Chiè…

 

  1. un cicerone?
  2. un mecenate?
  3. un maciste?
  4. un vulcano?
  5. un attila?
  6. un apollo?
  7. un casanova?
  8. un dongiovanni?
  9. un fantozzi?
  10. un donchisciotte?
  11. una cassandra?
  12. un fregoli?

Soluzioni

  1. Una guida turistica, o anche una persona che fa da guida a qualcuno per amicizia in una città, in un museo, eccetera. Dal nome del filosofo e oratore Marco Tullio Cicerone, famoso per la straordinaria eloquenza.
  2. Una persona che protegge artisti, musicisti, eccetera. Dal nome di Mecenate, ricco amico dell’imperatore Augusto, protettore dei poeti Virgilio e Orazio.
  3. Un uomo molto robusto e straordinariamente forte. Dal nome di Maciste, personaggio creato da Gabriele D’Annunzio per la sceneggiatura del film Cabiria e in seguito personaggio di altri film storici.
  4. Una persona piena di iniziativa, di entusiasmo, di energia. Dal nome di Vulcano, dio del fuoco.
  5. Una persona che devasta, rompe o distrugge tutto quello che tocca. Dal nome di Attila, re degli Unni, famoso per la fama di devastatore.
  6. Un uomo molto bello. Dal nome di Apollo, dio del sole, delle arti e della profezia, famoso per la straordinaria bellezza.
  7. Un seduttore, un donnaiolo. Dal nome di Giacomo Casanova, famoso scrittore e avventuriero veneziano.
  8. Un galante corteggiatore di donne. Dal nome di Don Giovanni Tenorio, personaggio del Burlador de Sevilla di Tirso de Molina.
  9. Una persona goffa come il ragioner Ugo Fantozzi, l’impiegato ossequioso nei confronti dei superiori inventato e interpretato dall’attore Paolo Villaggio.
  10. Una persona facile agli entusiasmi, che difende ideali nobili ma irraggiungibili. Dal nome di Don Chisciotte, protagonista dell’omonimo romanzo di Miguel de Cervantes y Saavedra.
  11. Una persona che prevede sventure e disgrazie, senza che mai nessuno le creda. Dal nome di Cassandra, figlia del re Priamo, le cui profezie sulla distruzione di Troia non furono credute.
  12. Una persona che cambia rapidamente opinione a seconda delle circostanze; trasformista. Dal nome dell’attore Leopoldo Fregoli (1867-1936), famoso per le rapidissime trasformazioni di costume e di trucco.

 

© copyright 2022 – tutti i diritti sono riservati.