THOMAS SANKARA – IL DITTATORE BUONO

Un esempio di un buon dittatore è quest’uomo.

Thomas Sankara, ex presidente del Burkina Faso (1983-1987)

 

Il grande Thomas Sankara, questo è un uomo che voleva e ha fatto la cosa giusta. Amava il suo paese ed era amato da molti.

Ha evitato l’Occidente e, da solo, ha dimostrato che l’Africa può essere autosufficiente e indipendente. Era onesto e diretto, ribattezzò il paese in Burkina Faso, che significa Terra dell’Uomo Verticale; un riflesso della cultura che stava promuovendo tra la sua gente. Era un uomo di indiscutibile integrità, Sankara sapeva come mostrare al suo popolo che potevano diventare dignitosi e orgogliosi attraverso la forza di volontà, il coraggio, l’onestà e il lavoro.

Ce n’erano molti contro di lui, dal loro ex colonizzatore Francia e dalla sua alleata Costa d’Avorio, ai signori feudali e ai capi principali … Fu assassinato dal suo migliore amico. Una settimana prima della sua morte, ha dichiarato: “Mentre i rivoluzionari come individui possono essere uccisi, non puoi uccidere le idee”.

Sankara realizzò sviluppi rivoluzionari e programmi economici nazionali che scossero le basi dei tradizionali modelli di sviluppo economico imposti all’Africa.

Ha ridistribuito la terra dai proprietari feudali ai contadini, ha introdotto una serie di programmi di irrigazione e fertilizzazione e la produzione di grano è aumentata da 1.700 chilogrammi per ettaro (1.500 lb / acro) a 3.800 chilogrammi per ettaro (3.400 lb / acro), rendendo autonomo il cibo del paese sufficiente e creando un surplus! (In meno di quattro anni)

Nel tentativo di combattere la deforestazione e la desertificazione nel Sahel, radunò il popolo per piantare 10.000.000 di alberi; e 7.000 asili nido nei villaggi.

Il Burkinabé ha posato oltre 700 km (430 mi) di ferrovia per facilitare l’estrazione del manganese, senza alcun aiuto straniero o aiuto esterno. Hanno continuato a costruire una rete stradale e ferroviaria in tutto il paese.

Ha promosso la salute pubblica e in una sola settimana sono stati vaccinati 2,5 milioni di bambini Burkinabé, nel tentativo di sradicare la poliomielite, la meningite e il morbillo. Ha fatto costruire in ogni villaggio un dispensario medico.

Il suo impegno per i diritti delle donne lo ha portato a mettere fuori legge le mutilazioni genitali femminili, i matrimoni forzati e la poligamia. Ha nominato le donne ad alte posizioni governative e le ha incoraggiate a lavorare fuori casa e rimanere a scuola, anche se in gravidanza. Con le sue stesse parole “La rivoluzione e la liberazione delle donne vanno insieme. Non parliamo dell’emancipazione delle donne come un atto di carità o a causa di un’ondata di compassione umana. È una necessità fondamentale per il trionfo della rivoluzione. Le donne reggono l’altra metà del cielo”

Inoltre, Sankara è stata la prima leader africana a nominare donne in importanti posizioni di gabinetto e reclutarle attivamente per i militari.

Sono stati inoltre intrapresi progetti di infrastrutture e abitazioni su larga scala. Furono create fabbriche di mattoni per aiutare a costruire case nel tentativo di porre fine alle baraccopoli urbane.

Ha dato la priorità all’istruzione con una campagna di alfabetizzazione a livello nazionale. Ha avuto 350 comunità che costruiscono scuole con il proprio lavoro.

Ha parlato contro il neo-colonialismo, l’imperialismo e gli aiuti stranieri sostenendo che i poveri e gli sfruttati non avevano l’obbligo di rimborsare denaro ai ricchi e allo sfruttamento.

Il suo personaggio:

Vendette la flotta presidenziale di auto di lusso e proibì di viaggiare in prima classe per se stesso o per i funzionari del governo; ha rifiutato che il suo ritratto fosse appeso in luoghi pubblici come era la norma con altri dittatori perché nei suoi mondi ci sono 7 milioni di burkinabé proprio come lui; ha incaricato i funzionari pubblici di indossare tuniche tessute con cotone burkinabe; si rifiutò di usare l’aria condizionata nel suo ufficio per il fatto che tale lusso era disponibile solo per una manciata di Burkinabé; scrisse l’inno nazionale (era anche un abile chitarrista); ha ridotto il suo stipendio a 450 usd / mese e i suoi averi a una macchina, quattro biciclette, tre chitarre, un frigorifero e un congelatore rotto …..

Ha toccato il cuore di molti ed è stato un faro di speranza, durante un periodo in Africa con dittatori e tiranni che hanno oppresso e derubato il popolo proprio come i loro predecessori colonialisti, stava facendo il contrario; arricchendo il suo popolo e dimostrando che era possibile.

Muore a 37 anni.

Riposa tranquillo Thomas! Tu e tutto ciò che rappresentaste non sarete mai dimenticati.

(Fonte Web trad.N.Gough)