IL NOBILE SULTANO ABDULMEJID

La grande carestia irlandese di patate (1845-1849) fu un’enorme catastrofe che portò un milione di persone a morire di fame e un altro milione a lasciare la propria patria, principalmente verso il Nord America.

 

È davvero difficile esprimere a parole quanto sia stata spaventosa questa carestia per così tanti irlandesi e la sofferenza sarà stata tremenda. Le cicatrici psicologiche hanno ancora un impatto sulla psiche irlandese.

Sembra quasi una favola sentire come un sultano di una terra lontana, sentendo parlare di questa tragedia, ha fatto di tutto per inviare navi piene di cibo e medicine agli irlandesi che stavano morendo di fame e malattie.

Quando il sultano Abdulmejid seppe delle sofferenze, dal suo dentista irlandese, provò grande compassione e dolore per la difficile situazione degli irlandesi.

Il Sultano inizialmente voleva donare 10.000 sterline alla popolazione affamata, ma i diplomatici britannici erano sbalorditi nel sentire questa notizia perché la regina Vittoria aveva donato solamente 2.000.

Il governo britannico si rifiutò di accettare la grande donazione, quindi, il sultano, ha donato solo una misera somma di 1.000 sterline, ma inviò segretamente cinque navi cariche di cibo!

Come potete immaginare, il governo britannico non fu contento di questo gesto e la marina tentò un blocco per impedire l’arrivo degli aiuti. Le navi riuscirono comunque ad arrivare a Drogheda, in Irlanda, dove hanno distribuito il cibo.

La gente di Drogheda era così grata che hanno aggiunto i simboli islamici e ottomani allo stemma della loro città.

 

Sembra quasi una favola ed è un gesto di grande empatia.

È facile immaginare quanto fossero felici le persone affamate di vedere quelle navi turche arrivare con il cibo.

Ma la storia non finisce qui.

Durante la guerra di Crimea, la Gran Bretagna si unì all’Impero Ottomano nella sua lotta contro l’espansione dell’impero russo. Circa 30.000 soldati irlandesi prestarono servizio nella guerra e si notò che il popolo irlandese prestò servizio con entusiasmo in difesa del Sultano che li aveva aiutati durante i loro momenti di maggiore bisogno.

Quest’alta forma di compassione è stata ricordata anche durante la prima guerra mondiale. È stato riferito che gli ufficiali britannici si lamentavano del fatto che agli irlandesi mancava la volontà di combattere contro gli ottomani memori delle storie sull’Impero Ottomano che li aiutò, durante una carestia, quando nessun altro lo avrebbe fatto.

Sultan Abdulmejid è un modello per ripristinare la fede nell’umanità.

(Fonte Web Emanuele Barca)