PUNIZIONI CRUDELI 592 views - 2 Febbraio 2021 – Pubblicato in: V.M.18

I. IL TORO DI FALARIDE

Il toro di Falaride o toro siciliano è stata la più agonizzante tecnica di tortura registrata nella storia dell’umanità.

(Si consiglia di leggere il resto dell’articolo a vostra discrezione).

Immaginate una pentola a pressione delle dimensioni di una vasca da bagno. Sareste posizionati all’interno e il coperchio sarebbe chiuso a chiave. Il fuoco si accende sotto. Presto inizierai a bollire nel tuo sudore e nel tuo sangue. Mentre urli a squarciagola per l’indicibile dolore, la tua voce viaggia attraverso una serie di tubi al collo del toro e alle narici che creano il muggito di un toro infuriato. Musica alle orecchie del tiranno.

Il toro di Falaride era frutto dell’opera creativa dei greci. Immagino che se i greci potessero darci pensieri originali sulla filosofia e la politica, ponendo le basi nel mondo occidentale per le pratiche democratiche, ci benedirebbero anche con le pratiche più orribili che rendono “catramatura e piume” e “latte e miele” un gioco da ragazzi. Si dice che quando si riapriva il portello della botola, le ossa delle vittime carbonizzate spesso brillavano come “gioielli”.

Falaride era il tiranno della Sicilia antica di due millenni e mezzo fa. Si dice che Falaride, che era un cannibale, fosse impareggiabile nella sua crudeltà. Si dice che abbia mangiato vivi i “neonati in allattamento”. Secondo gli storici greci antichi, Falaride cercava costantemente nuovi modi di tortura per “incutere paura nei cuori dei suoi nemici”. Falaride si rallegrò quando Perillo di Atene gli presentò il toro. Tuttavia, l’ironia è che Falaride ordinò al creatore stesso del toro, Perillo, di entrarvi per vedere se funzionava!

Nota: Alcuni storici revisionisti sostengono che il toro era solo propaganda degli oppositori di Falaride per mostrare ai greci quanto può diventare cattivo un dittatore malvagio.

(TheVintageNews)

Ecco una foto del vero toro sfacciato al Museo della Tortura.

II. AQUILA DI SANGUE

Le atrocità dei vichinghi sono conosciute in tutto il mondo, tanto che molte persone non vogliono imparare i dettagli e li lasciano alla loro immaginazione dormiente. Tuttavia, si avrà un rapido senso della loro barbarie quando si apprenderà cosa hanno fatto alle vittime a cui hanno impartito il rituale dell’aquila di sangue. (Smithsonianmag)

Immaginate di avere le mani legate. Qualcuno inizia a praticare una profonda incisione a forma di T sulla schiena. Poi afferra i due lembi di pelle e li separa per farli allargare come ali d’aquila. Spesso legano le “ali” con una corda per fissarle spalancate. Ma non è ancora finita. Per dare alla schiena la consistenza e l’aspetto delle ali d’aquila, il boia usava un’ascia per rompere le costole una ad una e tirarle fuori per farle distendere il più possibile, come un’aquila spalancata. Ormai devi essere svenuto, non sei nemmeno in grado di urlare per il dolore straziante, ma se non l’hai fatto, fa schifo essere te. Il carnefice afferrava allora i vostri organi interni da dietro, compresi i polmoni, e li tirava giù sospesi, in un cruento sfoggio di pura ferocia. (Totalwar)

III. TORTURA DEL RATTO

Immaginate un ratto attaccato alla pancia, che mangia la vostra pelle, che rosicchia, che cerca di fare un buco per entrare nel vostro intestino, come il virus intestinale di Neo.

La vittima era legata e una piccola gabbia era attaccata al suo stomaco. Un ratto è stato messo all’interno della gabbia prima che il calore fosse applicato sopra la gabbia, in modo che il ratto, cercando di sfuggire al calore mortale, rosicchiasse le viscere della vittima per fuggire.

Tra gli altri luoghi, questa tecnica di tortura sarebbe stata praticata in Brasile durante il regime militare degli anni ’60-’80.

Inoltre, gruppi per i diritti umani hanno documentato almeno un caso in cui una donna cilena è stata torturata dai servizi segreti nel 1981. La vittima è stata collocata in una stanza piena di topi vivi durante l’interrogatorio, che perlomeno avevano solo minacciato l’uso dei topi. (Museo della tortura)

IV. TORTURA DI BAMBU’

Nel suo libro di memorie “Hakka Soul”, la poetessa e autrice cinese Woon-Ping Chin parla dei soldati giapponesi che applicavano questo metodo di tortura contro la sua stessa famiglia.

La pianta di bambù ha un tasso tipico di crescita di 4 centimetri in un’ora. Ora immaginate di essere bloccati da un germoglio di bambù in crescita ficcato nell’ano e in altre parti. In poche ore, in cui sarete torturati per essere trattenuti così strettamente, la pianta in crescita vi spingerà verso l’alto con punte appuntite fino a quando la vostra pelle e gli arti non saranno stressati come la pelle tesa per fare un tamburo. Poi le punte cominciano a pungere e ad entrare nel vostro corpo, dandovi un dolore lento e agonizzante per ore o giorni. Di solito la vittima impiega un giorno o più per morire soffrendo un dolore senza fine che fa sì che le urla della vostra anima raggiungano l’alto dei cieli. (Rebelcircus)

V. TAGLIO A METÀ DI MEZZO

La parte brutale del taglio a metà è che ti mettono a testa in giù in modo che la tua testa riceva un flusso costante di sangue e ossigeno, in modo che tu sia cosciente il più a lungo possibile per sentire il dolore dei denti della sega che ti lacerano la parte inferiore del corpo a partire dal cavallo.

 

VI. DENAILIZZAZIONE

Può essere o non essere una delle peggiori torture, ma la sto elencando qui perché ho una storia personale a riguardo. La DENAILIZZAZIONE è estrarre le unghie della vittima usando delle pinze. Ahi. Il governo comunista di sostegno all’Afghanistan durante le ultime fasi della Guerra Fredda ha usato questa tecnica di tortura contro i ribelli mujahideen. È stato fatto per estrarre informazioni per catturare altri ribelli. Ero molto giovane all’epoca, ma il pensiero di questa tecnica mi ha distrutto lo spirito. (Topsimages)

Alcuni studiosi non credono che tutte queste indicibili torture fossero autentiche pratiche storiche, senza vederne le prove, ma visto quello che gli esseri umani fanno oggi, non solo credo che siano accadute, ma che il peggio sia accaduto senza averne denunciato l’accaduto.

(Fonte Web J.Rezayee)