Cart 0

LE PAROLE DEL WEB 222 views - 13 Febbraio 2021 – Pubblicato in: Parole

Guida alla connettività in 10 punti

Cosa permette di navigare in modo sempre più veloce ed efficiente? Quali sono le prospettive per l’immediato futuro? Un glossario ragionato per districarsi tra i termini indispensabili e capire il mondo del web

1. Adsl

Il termine Adsl (Asymmetric digital subscriber line, in italiano Linea asimmetrica di sottoscrizione digitale) è una tecnologia che consente l’accesso a Internet ad alta velocità. Si basa sull’utilizzo del doppino telefonico, elemento che ne ha consentito un’ampia diffusione: non è richiesta l’installazione di nessun componente aggiuntivo, a parte un modem. La linea Adsl è una linea dedicata, per cui quella telefonica rimane libera anche durante la connessione. Si parla di asimmetria perché la velocità di trasmissione dei datiè diversa rispetto alla velocità di ricezione: normalmente al download è dedicata una quantità di banda maggiore. Rispetto alla fibra ottica, infine, l’Adsl è più economica.

2. Fibra ottica

A differenza dell’Adsl, la fibra ottica, anziché appoggiarsi al doppino telefonico, si basa su cavi in fibra di vetro o polimeri plastici progettati per garantire la diffusionedel segnale ottico. Le fibre ottiche garantiscono un’ampia capacità di banda, che consente un efficace trasporto di dati e la copertura di grandi distanze, e un’alta velocità di trasmissione. Inoltre, la fibra ottica è caratterizzata dall’assenza di disturbi di vario genere: elettromagnetici, radiofrequenze o climatici. Un’ulteriore differenza con la tecnologia Adsl è la simmetria tra la velocità di caricamento e scaricamento dei dati, entrambi caratterizzati dalla stessa ampiezza di banda. Lo svantaggio principale della fibra ottica è rappresentato dai costi di installazione e cablaggio. Inoltre, la copertura della fibra ottica in Italia raggiunge ancora una porzione limitata della popolazione.

3. Ftth / Fttp

Ftth significa Fiber to the home, detto anche Fttp (Fiber to the premises). Un servizio Ftth o Fttp è una pura connessione via cavo in fibra ottica che parte da un provider di servizi Internet e arriva direttamente in una casa o in un’azienda. È il tipo di connessione più veloce, poiché interamente in fibra ottica. Ciò la rende in grado di raggiungere le massime velocità. È ideale, inoltre, per garantire una buona stabilità. Il vantaggio del cavo in fibra sino all’abitazione è legato al fatto che la rete ottica offre la possibilità di trasportare molte più informazioni dei tradizionali cavi in rame. In questo modo il cliente può raggiungere velocità di navigazione più elevate. In più, la connettività in fibra è immune da ogni tipo di interferenza e non risente della distanza tra l’abitazione e la centrale, né del numero di utenti collegati.

Tecnico che allaccia i cavi della fibra ottica nello scantinato di un palazzo

4. Fttb

Con il termine Fttb (Fiber to the building o in alcuni casi Fiber to the basement) si indica una rete in fibra ottica che arriva fino alla base di un edificio, solitamente fino ai garage o in uno spazio comune a un gruppo di palazzi. Per assicurare la connessione a internet, le singole abitazioni sono collegate alla rete in fibra ottica attraverso un tratto in rame. Le soluzioni Fttb sono molto performanti, anche se la presenza del tratto finale in rame fa sì che la velocità sia leggermente inferiore rispetto a quella di una rete in fibra ottica che arriva fino alla presa telefonica di ogni appartamento.

5. Fttc

Si parla di reti in fibra ottica Fttc (Fiber to the cabinet) o Ftts (Fiber to the street) quando i cavi in fibra collegano la centrale operativa dell’operatore telefonico con una cabina collocata lungo la strada. L’ultimo tratto della linea telefonica, quello che va dalla cabina all’abitazione, è garantito da un cavo in rame. Generalmente gli armadi telefonici lungo la strada si trovano a una distanza di massimo 300 metri dall’edificio. La velocità di una connessione in fibra Fttc è più bassa rispetto a quella di una rete Ftth o Fttb, e dipende da diversi elementi, tra i quali la copertura di rete presente nella zona e la distanza che intercorre tra l’armadio in strada e l’abitazione.

6. Wi-Fi

Il Wi-Fi è una tecnologia di rete che permette lo scambiodi informazioni senza cavi tra dispositivi che appartengono alla stessa rete. Il collegamento dei dispositivi sulla rete Internet avviene attraverso un modem e un access point.

Il Wi-Fi permette lo scambio di informazioni senza cavi tra dispositivi che appartengono alla stessa rete

Il modem ha il compito di modulare e demodulare i segnali analogici in digitalie viceversa per fare in modo che possano essere trasmessi sulla rete telefonica, mentre l’access point permette l’accesso alla rete in modalità wireless.
I moderni router Adsl o per le reti in fibra ottica svolgono entrambe le funzioni, permettendo l’accesso alla rete senza fili a diversi dispositivi contemporaneamente.

Antenna FWA

7. Fwa

Fwa è acronimo di Fixed wireless access e indica un insieme di sistemi di trasmissione sviluppati per sfruttare determinate frequenze dello spettro radio per fornire connettività a banda larga. Il vantaggio di una connessione Fwa risiede nel fatto che questa tecnologia permette di avere Internet ad alta velocità anche nei comuni non ancora raggiunti dalla fibra ottica fisica, cioè quella stesa sottoterra lungo le strade. Come funziona? Un modem wireless viene installato in casa e un’antenna posizionata sul balcone o sul tetto. Il segnale arriva da un’antenna posta in zona e collegata alla fibra ottica. L’utente naviga così come navigherebbe con un’altra tecnologia a banda larga. A differenza della fibra non c’è una velocità garantita, perché il mezzo radio è soggetto a maggiori variabilità. Tuttavia, se il segnale non incontra ostacoli e l’antenna è ben orientata la connessione risulta ottima.

8. SD-Wan

La tecnologia SD-Wan (Software-Defined Wide area networking) si basa sul software e fornisce risorse virtuali per le connessioni su reti Wan tramite collegamenti Internet a banda larga. Serve per garantire l’accesso ai servizi cloud, ai data center privati e alle applicazioni aziendali basate su SaaS con prestazioni elevate e costi ridotti. Essendo distribuita su cloud e basata sul software, la tecnologia SD-Wan favorisce l’agilità della rete, è facile da distribuire e abilita la gestione centralizzata. Inoltre, aiuta le aziende a ridurrela quantità di traffico Wan sulle linee affittate, spostandone una parte sulle connessioni Internet a banda larga e sulle applicazioni basate su cloud.

Un’antenna per la trasmissione del 5G

9. 5G

Il termine 5G (acronimo di 5th Generation) indica l’insieme di tecnologie di telefonia mobile di quinta generazione. Una delle caratteristiche principali di questa rete è la possibilità di permettere molte connessioni in contemporanea, con alta velocità e tempi di risposta molto rapidi. Non si tratta della semplice evoluzione dell’attuale rete 4G, perché ha caratteristiche tecniche diverse. Non solo per la quantità di banda più ampia e per la velocità, 10 volte più elevata rispetto al 4G: si tratta di un modo diverso di gestire le comunicazioni, con frequenze, antenne e tecniche di trasmissione dei dati differenti. Il 5G non interesserà solo gli smartphone, ma anche e soprattutto i tanti di oggetti connessi, destinati a essere sempre più numerosi: elettrodomestici, auto, semafori, orologi e così via.

10. Lo stato delle reti mobili

Entro la fine del 2026 sono previsti 3,5 miliardi di abbonamenti 5G

Nel 2020 il 5G ha subito un’accelerazione, sia nello sviluppo delle reti che dei dispositivi. Lo riporta l’Ericsson Mobility report, secondo il quale, entro la fine dell’anno, verranno attivati 220 milioni di abbonamenti 5G globali, di cui 175 milioni in Cina. L’Fwa attualmente viene offerto da quasi due terzi degli operatori a livello globale. Inoltre, si prevede che queste connessioni triplicheranno, raggiungendo oltre 180 milioni entro la fine del 2026, quando rappresenteranno un quarto di tutto il traffico dati della rete mobile. Per la fine del 2026 sono previsti 3,5 miliardi di abbonamenti 5G che, secondo le stime, rappresenteranno oltre il 50% del traffico dati mobile. E intanto si parla già di 6G, la rete che userà l’intelligenza artificiale, ancora nelle primissime fasi sperimentali.

 

(Fonte bit.ly/2N3Tzyn)

Iscriviti alla newsletter

    Ho letto e capisco la Politica sulla privacy e sui cookies e accetto di ricevere comunicazioni commerciali personalizzate di Fenomenologia della lingua italiana.