GEORGE McLAURIN – UN PROFESSORE SCOMODO 1.844 views - 12 Febbraio 2021 – Pubblicato in: Momenti

George McLaurin, il primo uomo di colore ammesso all’Università dell’Oklahoma nel 1948, fu costretto a sedersi in un angolo lontano dai suoi coetanei bianchi.

Ma il suo nome rimane nell’albo d’onore come uno dei primi tre studenti dell’università.

Queste le sue parole:

“Alcuni colleghi mi guardavano come se fossi un animale, nessuno mi dava una parola, gli insegnanti sembravano che non fossero nemmeno lì per me, né prendevano sempre le mie domande. Ma mi dedicavo così tanto che dopo, hanno cominciato cercarmi per dare loro spiegazioni e chiarire le loro domande “.

L’istruzione ha più potere delle armi.

 

George W. McLaurin (16 settembre 1887-4 settembre 1968) è stato un professore americano e il primo afroamericano a frequentare l’Università dell’Oklahoma.

McLaurin ha conseguito un master presso l’Università del Kansas ed era un professore in pensione che viveva a Oklahoma City.

Prima del pensionamento, ha insegnato in un college prevalentemente nero, la Langston University .

Ha fatto domanda ed è stato accettato all’Università dell’Oklahoma nel 1948, a seguito della decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti in McLaurin contro Oklahoma State Regents , relativa alla sua domanda, che ha permesso agli afroamericani di essere ammessi all’istruzione universitaria presso l’Università dell’Oklahoma su base segregata.

Nel caso, McLaurin è stato supportato da Thurgood Marshall , Amos T. Hall, Roscoe Dunjee e altri cinque studenti afroamericani.

L’Università era tenuta per legge a consentire a McLaurin di entrare nella scuola, ma era completamente separato dagli altri studenti.

Più tardi, quando altri studenti afroamericani furono ammessi nella scuola, attraversarono condizioni simili come aule, biblioteche, mense e bagni diversi.

Il 29 settembre 1948, un tribunale federale ha stabilito che il rifiuto dell’Università dell’Oklahoma di ammettere McLaurin era incostituzionale.

Per rispettare le leggi sulla segregazione, il presidente dell’università, George Lynn Cross , ha disposto che le lezioni di McLaurin si tenessero in aule con anticamera: in questo modo, McLaurin poteva stare lontano dagli studenti bianchi mentre frequentava ancora tutte le sue lezioni.

Altre sistemazioni speciali che sono state create per continuare la segregazione includono aree salotto speciali presso la caffetteria e gli eventi sportivi e servizi igienici separati.

In rappresaglia di queste condizioni, McLaurin ha intentato una causa affermando che queste condizioni lo hanno privato dell’uguaglianza.

Il tribunale distrettuale non era d’accordo con la sua tesi e ha negato la sua mozione per la ragione che la segregazione razziale è una “politica sociale profondamente radicata nello Stato dell’Oklahoma”.

In seguito, McLaurin ha sollevato di nuovo il suo caso, ma questa volta ha presentato ricorso alla Corte Suprema degli Stati Uniti.

Questo darebbe inizio alla sequenza temporale della causa McLaurin contro Oklahoma State Regents for Higher Education.

In McLaurin contro Oklahoma State Regents for Higher Education , McLaurin ha sostenuto che il quattordicesimo emendamento era stato violato dal modo in cui venivano trattati.

Non è stato fino al 1950 che la Corte Suprema ha stabilito che il trattamento deve essere uguale tra gli studenti bianchi e afroamericani.

Mclaurin contro Oklahoma State Regents è stato un caso importante nella storia perché è stato uno dei primi casi che hanno tentato di combattere la disposizione “separata ma uguale” nel caso Plessy contro Ferguson.

Mclaurin contro Oklahoma ha mostrato come la disposizione “separata ma uguale” possa ancora essere manipolata in modo da discriminare gli individui sulla base della razza.

Questo caso ha avuto un ruolo influente nella storia perché la sua sentenza ha aperto la strada all’eventuale ribaltamento di Plessy contro Ferguson.

Il caso Mclaurin mostrava la disuguaglianza nella disposizione separata ma uguale, gli alloggi fatti per Mclaurin richiedevano che si sedesse separato dagli altri studenti, in un’alcova etichettata “riservato di colore”, si sedesse da solo nella mensa e avesse anche il suo scrivania nella biblioteca che era dietro una pila di giornali così non sarebbe stato visto dagli studenti bianchi.

Tutte queste pratiche discriminatorie sono avvenute sotto l’ombrello della disposizione separata ma uguale. “Nel 1950 una Corte Suprema unanime ha stabilito che McLaurin non aveva ricevuto lo stesso trattamento come richiesto dalla Costituzione.

Scrivendo per la Corte, il giudice capo Frederick M. Vinson ha scritto che McLaurin era “svantaggiato nella sua ricerca di un’efficace istruzione universitaria.

Tali restrizioni compromettono e inibiscono la sua capacità di studiare, impegnarsi in discussioni e scambiare opinioni con altri studenti e, in generale, apprendere le sue professioni “.

Attualmente, c’è un incontro intitolato a George A. McLaurin nel campus chiamato The George McLaurin Male Leadership Conference.

La conferenza è principalmente destinata al reclutamento di studenti universitari di prima generazione, e in particolare quelli all’interno di gruppi minoritari.

George W. McLaurin

 

(Fonte https://it.qaz.wiki/wiki/George_W._McLaurin)