MICHAEL ROCKEFELLER – UNA TRAGICA STORIA 107 views - 9 Settembre 2021 – Pubblicato in: Lo Sapevi che – Tags:

In alto una fotografia di Michael Rockefeller, forse l’ultima. Se non riconoscete il suo nome, sicuramente riconoscete il suo cognome. Il bisnonno di Michael era John D. Rockefeller, la persona più ricca del mondo. Il padre di Michael era Nelson Rockefeller, vicepresidente degli Stati Uniti. Suo zio, Winthrop Rockefeller fu governatore dell’Arkansas e suo cugino di primo grado, Jay Rockefeller, fu governatore del West Virginia.

La “grandezza” era il livello minimo che ogni Rockefeller doveva superare. Per Michael, che si era da poco laureato ad Harvard con lode, la “grandezza” era inevitabile. Ma, come è con la maggior parte dell’aristocrazia, c’è una continua ricerca di avventura prima di doversi limitare alla villa da governatore o al palazzo della capitale. Michael decise di studiare e collezionare l’arte dei popoli della Nuova Guinea, una delle isole vicine all’Indonesia.

Nella sua canoa di 40 piedi (13 metri) e a tre miglia (cinque chilometri) dalla riva, il pontone collegato alla canoa di Michael si rovesciò. Le sue due guide nuotarono fino a riva per cercare aiuto.

Dopo due giorni di attesa, Michael decise di sfidare le acque. Saltò fuori dalla canoa che condivideva con un antropologo olandese e iniziò a nuotare.

L’immagine sopra potrebbe essere stata l’ultima di Michael. È scomparso!

Centinaia di giornalisti andarono in Nuova Guinea per scoprire cosa fosse successo.

Furono assunti detective privati. Aerei, elicotteri, navi e migliaia di abitanti hanno perlustrato l’isola e il mare sperando di trovare qualcosa … qualsiasi cosa. Le voci si stavano diffondendo a macchia d’olio.

Cinquantasette anni dopo, le voci più inquietanti furono confermate da un team di ricerca del National Geographic. Due missionari che avevano vissuto con i nativi e parlavano la loro lingua si fecero avanti per raccontare la storia, così come diversi membri della comunità. I colonialisti olandesi avevano ucciso quattro nativi nel 1958. Bisognava vendicarsi.

Michael era sopravvissuto alla nuotata. Tirato a riva, il suo corpo fu trafitto da lance. La sua testa è stata rimossa e il cervello è stato mangiato crudo. Il resto del corpo di Michael è stato bollito in una pentola prima di essere consumato dagli indigeni, ciascuno partecipando al pasto. Le ossa della sua coscia furono trasformate in pugnali e le ossa della sua parte inferiore delle gambe furono trasformate in lance da pesca.

I sorrisi dei tre nativi nella foto sembrano anticipare il destino di Michael.