LUMACHE ARCOBALENO

Le “lumache più belle del mondo” sono minacciate dal commercio illegale

I gusci dai colori spettacolari rendono queste lumache cubane, già in serio pericolo, molto ricercate. Ma qualcuno si sta impegnando per salvarle.

Fotografie Di Bruno D’Amicis
Il loro guscio si presenta in un’ampia gamma di colori: giallo e rosa pastello, rosso mattone e nero, bianco perla e ocra. Indipendentemente dalla tonalità, le linee delle sei specie di chiocciole arcobaleno cubane, come vengono chiamate comunemente, accentuano la forma a spirale della conchiglia, grande poco più di un acino d’uva, che si arriccia sopra il loro corpo. Si potrebbe rimanere incantati a furia di ammirare queste meraviglie della natura, come osservando una scala a chiocciola dai colori eccentrici che si avvolge all’infinito su se stessa.

Cuba ospita il maggior numero di specie diverse di lumache, ma nessun’altra ha un guscio con una gamma così ampia di colori e motivi complessi. Le chiocciole arcobaleno, il cui nome scientifico è Polymita, sono state ricercate a lungo dai collezionisti, che ne vendono il guscio ai turisti o le commerciano all’estero verso Stati Uniti ed Europa. Questa domanda è uno dei motivi per cui Cuba considera tutte le sei specie a forte rischio di estinzione, ed è per questo che da oltre un decennio è illegale catturare questi molluschi in natura. La Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione (CITES), che regola il commercio globale delle specie di flora e fauna selvatiche, ne ha bandito il commercio dal 2017.

“Grazie al loro aspetto eccezionale… queste lumache sono considerate le più belle dell’intero pianeta” afferma il fotografo Bruno D’Amicis. Il loro fascino l’ha condotto dal suo paese natale in Italia fino a Cuba, nel 2019, per realizzare ritratti degli esemplari e descrivere il ristretto gruppo di ricercatori e ambientalisti che lavorano per conoscerle e proteggerle. Mostrando questi molluschi in tutto il loro splendore, D’Amicis spera di diffondere la consapevolezza sui pericoli che incombono su di loro – non solo la raccolta illegale, ma anche la deforestazione, la predazione da parte di specie invasive e i cambiamenti climatici – e di stimolare l’impegno per assicurare un futuro a questa specie.

Queste lumache variopinte abitano una sottile fascia di vegetazione sulla costa orientale di Cuba. Sebbene gli scienziati non conoscano il numero di esemplari esistenti, hanno scoperto che occupano aree ristrette perché dipendono da micro-habitat in cui è presente esattamente la giusta composizione di piante. Ad esempio, la Polymita sulphurosa, una delle specie dai colori più vivaci, viene avvistata solo in una zona di pochi chilometri quadrati vicino al Parco nazionale Alejandro de Humboldt, ricco di biodiversità.

(Fonte bit.ly/3oczGn6)