LE “COMFORT WOMEN” DELL’ESERCITO NAZISTA

La triste e squallida esistenza delle donne ridotte a “schiave sessuali” nei bordelli della Wehrmacht durante la II Guerra Mondiale.

L’esercito nazista tedesco aveva “comfort women” come l’esercito imperiale giapponese nella seconda guerra mondiale?

Ottima domanda. La risposta breve è “Sì”.

Ma potresti essere interessato alla risposta lunga. Vorrei iniziare con una citazione di un veterano che ha risposto a una domanda di un giovane tedesco sui bordelli della Wehrmacht 40 anni dopo la guerra:

“La prima volta che ci sono andato ero un ragazzo di 17 anni e mezzo e ancora vergine, non ho mai avuto rapporti sessuali ma avevo fatto altre cose con le ragazze del posto. Con le tasche piene dell'”attrezzatura regolamentare”, sono andato al bordello a St. Laurent.

Ero molto nervoso e non sapevo cosa aspettarmi.

Quando è arrivato il mio turno sono entrato in una stanza con una ragazza molto carina della mia età dalla Slovacchia.

Aveva i capelli scuri e il seno grande. Il sesso con lei era fantastico, anche se non sapevo cosa stesse dicendo.

Non avremmo dovuto pagarle nei bordelli dell’esercito, ma le ho dato comunque dei soldi.

La parte peggiore è stata quando ha allargato le gambe e ho dovuto spruzzarla con la bomboletta di disinfettante.

Solo allora avrebbe firmato la mia carta. Dovevi riportare la lattina di disinfettante vuota con il pass firmato.

Se non la spruzzavi o non la riportavi indietro, avevi due settimane di lavoro extra e compiti di guardia come punizione. “

Il motivo principale per cui furono istituiti bordelli della Wehrmacht era per fermare la diffusione di malattie veneree tra i suoi soldati.

Si diceva che la Wehrmacht avesse perso più soldati a causa di malattie veneree nei primi mesi dell’occupazione della Francia che durante i combattimenti di maggio e giugno 1940.

Pertanto, la prostituzione di strada fu vietata, preservativi e disinfettanti furono distribuiti ai soldati e alle prostitute.

E loro avrebbero dovuto confermare il loro corretto utilizzo per iscritto, come sopra descritto.

Ma chi erano le donne nei bordelli? E come ci sono arrivate? Nel caso della Francia, alcuni avevano lavorato nei bordelli prima della guerra.

Alcune erano state prostitute di strada. I nazisti e la polizia francese mandarono le prostitute di strada in prigione o nei campi di internamento, insieme alle combattenti della resistenza e ad alcune criminali.

Avrebbero potuto uscire dai campi se si fossero “offerte” per lavorare nei bordelli, cosa che molte fecero.

Tuttavia, le cose erano diverse e di gran lunga peggiori in Polonia o nell’Unione Sovietica.

Le giovani donne erano brutalmente radunate per le strade e costrette a lavorare nei bordelli. Alcune donne avevano appena 15 anni.

Secondo gli esami medici, in un gruppo di giovani donne rastrellate in Ucraina, l’85% erano vergini.

In queste circostanze, il termine “prostituta” non si adatta, poiché potrebbe implicare che possano aver scelto liberamente la loro professione.

Inutile dire che il termine “comfort women” banalizza molto la sofferenza delle donne.

Nella maggior parte dei casi, le donne nei bordelli della Wehrmacht erano costrette a lavorare lì, violentemente o per la miseria in cui vivevano.

Non erano autorizzati a lasciare i bordelli e venivano minacciate di essere mandati nei campi di concentramento se avessero disobbedito alle regole o cercato di scappare.

Pertanto, il termine “schiave del sesso” si adatta meglio alla situazione della maggioranza delle donne nei bordelli della Wehrmacht.

Le schiave sessuali sono state trovate in tutti i paesi occupati dalla Germania, tranne uno: la Danimarca.

Il motivo non è del tutto chiaro, ma probabilmente fu il re Cristiano X, che sfidò l’autorità nazista insieme ai suoi sudditi in innumerevoli occasioni e che usò l’autorità che conservava sotto occupazione per impedire che la schiavitù sessuale fosse stabilita in Danimarca.

La Norvegia, che aveva un governo collaborazionista sotto Quisling, era diversa.

Un grande contingente di soldati dell’esercito e della Kriegsmarine era di stanza lì.

La Norvegia aveva bordelli della Wehrmacht con schiave del sesso provenienti dalla Francia e dall’Europa orientale.

Tuttavia, nessuna donna norvegese “ariana” è stata costretta a entrare nei bordelli.

In Francia c’erano centinaia di bordelli della Wehrmacht. Alcuni furono istituiti in ex sinagoghe, come il bordello di Brest mostrato di seguito, foto del 1940.

Fonte: Bundesarchiv/Wikipedia.

La Wehrmacht credeva che gli affari tra i suoi soldati e le donne locali, che spesso si verificavano, “minassero la disciplina” e potessero portare alla trasmissione di segreti alla resistenza.

Una relazione emotiva con un innamorato era considerata molto più pericolosa del normale rapporto altamente controllato con schiave sessuali alternate, ciascuno per una durata massima di 15 minuti.

I bordelli della Wehrmacht esistevano in Francia, Norvegia, Italia, Jugoslavia, Grecia, Polonia, nell’ex Unione Sovietica e probabilmente anche in altri paesi occupati come Albania, Belgio, Repubblica Ceca, Paesi Bassi e Ungheria verso la fine della guerra.

Una fonte stima che esistessero almeno 500 bordelli. Molto probabilmente ce n’erano molti di più.

Dopo la guerra, la difficile situazione delle schiave sessuali fu universalmente ignorata dai vincitori e dai vinti.

In Francia, alle schiave del sesso – spesso provenienti da classi inferiori – sono stati rasati i capelli e sono state pubblicamente umiliate come collaboratrici insieme ad altre donne, mentre spesso le vere collaboratrici sono scappate.

Ecco una foto di donne francesi umiliate pubblicamente nell’estate del 1944 a Parigi.

Fonte: Bundesarchiv/Wikipedia

Il potente stigma contro le prostitute è stato amplificato dall’accusa di collaborazionismo.

Molte famiglie hanno rinnegato le loro figlie, sorelle e cugine che erano state maltrattate come schiave del sesso.

Profondamente umiliata, la maggior parte delle schiave del sesso non ha mai parlato del loro calvario e ha cercato di seppellire il proprio passato il più possibile.

Il trattamento psicologico del trauma, ovviamente, non era disponibile.

La loro situazione non fu nemmeno riconosciuta quando la schiavitù sessuale in Asia sotto l’occupazione giapponese iniziò a diventare una questione più pubblica negli anni ’90.

La maggior parte delle donne che erano state costrette a essere schiave del sesso, purtroppo, hanno dovuto reprimere i loro ricordi per il resto della loro vita.

EDIT: Consentitemi di elaborare alcuni commenti.

  1. “Schiava del sesso” è un termine preciso in questo contesto? In realtà ho esitato quando ho scelto quel termine. Alcune donne erano state prostitute prima della guerra. Il cibo nei bordelli era probabilmente più abbondante e forse migliore di quello che aveva a disposizione la popolazione affamata. Ma le donne non potevano andarsene e sarebbero state soggette a dure punizioni se non avessero seguito le regole. Non sono particolarmente sicuro dell’uso del termine “schiave del sesso”. Usa il tuo giudizio. Se preferisci il termine “prostitute”, non penso sia sbagliato.
  2. Le schiave/prostitute del sesso sono state vittime delle “Tontes”, la rasatura pubblica e l’esposizione durante la liberazione della Francia? Sì, lo furono, insieme a molte altre donne, comprese quelle che pulivano la lavanderia e le case dei soldati tedeschi, che lavoravano per loro come impiegate amministrative e che avevano relazioni con loro. Non si sa quante prostitute/schiave del sesso fossero tra le vittime delle “tontes”. È noto che in 1 dei circa 100 dipartimenti francesi il Comitato dipartimentale della Resistenza ha deciso di non includere le prostitute nelle “tontes”. Potrebbero anche essere stati altri casi non pubblici o conosciuti in cui sono state escluse.
  3. I venerati eroi della resistenza francese, che avevano sopportato tante sofferenze, parteciparono ai “Tontes”? Si Loro fecero. I “Tontes” si sono svolti in tutta la Francia. Alcune combattenti della resistenza femmine si sono rifiutate di partecipare. Forse anche alcuni combattenti della resistenza maschi hanno deciso di non partecipare. Ma grandi folle si sono riversate per vedere le donne che si vergognavano. Le donne umiliate erano il capro espiatorio di una nazione che aveva molti collaboratori che si definirono combattenti della resistenza solo il giorno della liberazione.
  4. Chi era considerato “non ariano” dai nazisti? La propaganda nazista e delle SS descriveva il popolo dell’Unione Sovietica (russi, ucraini, asiatici centrali ecc.) Come “Untermenschen” (subumani) e quindi non ariani. Ma alcuni ufficiali dell’esercito tedesco si opposero a questa cosa. Altri popoli europei, compresi gli slavi alleati dei tedeschi come croati, slovacchi e bulgari, non furono considerati Untermenschen dai nazisti. Quindi mi correggo e ho tolto il passaggio sulla contraddizione tra l’ideologia razzista nazista e l’istituzione dei bordelli della Wehrmacht.

 

(Fonte Web trad. di Rodolfo Pianellosu testo di Manuel Schiffler)