BAGNI PUBBLICI JAPAN ?? 845 views - 10 Gennaio 2021 – Pubblicato in: Momenti – Tags:

Qual era lo scopo di installare bagni pubblici trasparenti nei parchi di Tokyo?

A prima vista, è difficile capire come un bagno pubblico con pareti trasparenti possa aiutare a ridurre l’ansia provata da molte persone nei bagni pubblici, ma questo è esattamente un progetto controintuitivo ideato da uno degli architetti più innovativi del Giappone.

In tutto il mondo, i bagni pubblici sono disapprovati. Anche in Giappone, dove i servizi igienici hanno uno standard di igiene più elevato rispetto alla maggior parte dei paesi, i residenti temono che i bagni pubblici siano scuri, sporchi, puzzolenti e spaventosi.

Per curare la fobia sociale, la Nippon Foundation, un’organizzazione no profit, ha lanciato il “Tokyo Toilet Project”, chiedendo a 16 rinomati architetti di rinnovare 17 bagni pubblici situati nei parchi pubblici di Shibuya, una delle zone commerciali più trafficate di Tokyo.

La missione era di applicare un design innovativo per rendere i bagni pubblici accessibili a tutti, indipendentemente dal sesso, dall’età o dalla disabilità, con l’obiettivo di “far sentire le persone a proprio agio in questi bagni pubblici e di promuovere uno spirito di ospitalità per la persona successiva”, secondo una dichiarazione della Nippon Foundation.

Il progetto più discusso finora è quello dell’architetto Shigeru Ban, vincitore del Premio Pritzker, i cui bagni trasparenti hanno fatto la loro comparsa questo mese nell’Haru-no-Ogawa Park e nel mini parco di Yoyogi Fukamachi.

Le due unità hanno ciascuna tre cabine, che sono circondate da vetro trasparente colorato in ciano, verde lime, blu, giallo, rosa o viola. Il design trasparente ha un motivo pratico, che è quello di consentire a una persona di controllare facilmente l’interno prima di entrare.

I bagni pubblici, specialmente quelli situati nei parchi, pongono due questioni: la prima è se l’interno è pulito e la seconda è se c’è qualcuno che aspettando segretamente all’interno.

Il design si basa sulla nuova tecnologia smart glass che rende le pareti opache quando la porta è chiusa.

Intelligente, vero?

(Fonte Web Zofia Korecka-Rejczak – trad.)