LADY DAI – UNA MUMMIA IMPRESSIONANTE

LADY DAI, LA MUMMIA DI 2200 ANNI

Xin Zhui, conosciuta anche come Lady Dai o Marchesa di Dai, era la moglie di Li Cang, Marchese di Dai e Cancelliere del Regno di Changsha, durante la dinastia Han nella Cina antica, ed è conosciuta per i resti incredibilmente ben conservati del suo corpo, nonostante sia vissuta circa 2200 anni fa.

Scoperta ad inizio anni ‘70 a Mawangdui, sito archeologico vicino alla città di Changsha, capoluogo della provincia di Hunan, insieme a centinaia di preziosi manufatti e documenti( e con altre due tombe, una del marito Li Cang e un’altra di un uomo sulla trentina, probabilmente il figlio della coppia), attualmente è custodita al Museo Hunan, ma tuttora rimane di particolare interesse per le condizioni con le quali è arrivata fino a noi. In particolare, il corpo di Lady Dai, conservato quasi perfettamente, è stato oggetto anche di un’autopsia da parte dei chirurghi dell’Hunan Provincial Medical Institute nel 1972, che hanno potuto osservare come il liquido nel quale era stato posto il cadavere l’avesse mantenuto straordinariamente: la pelle era morbida e umida, i muscoli permettevano ancora alle braccia e alle gambe di flettersi e anche la maggior parte dei suoi organi interni erano intatti, con addirittura piccole quantità di sangue all’interno delle vene. Nel corso degli anni poi, è stato ripetutamente iniettato nelle sue vene una soluzione conservante “segreta”, per permettere al corpo di non deteriorarsi una volta aperta l’antica tomba.

Tutto ciò ha anche permesso di studiare lo stile di vita di Xin Zhui, arrivando all’ipotesi per la quale la ricca famiglia, conducendo una vita lussuosa, volesse mantenerla anche nell’aldilà, cercando in tutti i modi di conservarsi al meglio anche dopo la morte. (la rappresentazione in grafica è una ricostruzione artistica di Xin Zhui)

(Fonte FB different)