Cart 0

Momenti

Squid Game - Una frittura di paranza! Continua a leggere...

Squid Game – Una frittura di paranza!

«Devi riprenderti tua figlia» Fenomeno mondiale alimentato dal passaparola e da una catena infinita di meme che rimbalzano in rete da settimane, Squid Game è la serie TV del momento, capace d’aver tritato ogni record di Netflix. Tutti ne parlano e spesso entra nelle formule di rito tra conoscenti, sancendo un confine, un prima e un dopo tra chi s’è lasciato conquistare e chi ancora no.

Continua a leggere
BRAGGING Continua a leggere...

BUSY BRAGGING

Stili di vita, la psicologa Silvia Bellezza: “L’assenza di tempo libero è il nuovo status symbol” L’esperta della Columbia Business School: “In passato l’ozio era un privilegio, ora essere molto impegnati significa avere un alto valore sul mercato” “L’assenza di tempo libero è il nuovo status symbol”: a dirlo è Silvia Bellezza, docente di psicologia del marketing alla Columbia Business School, che sul tema ha pubblicato uno studio sul Journal of Consumer Research.

Continua a leggere
STORIA DI “CHIAPPE” Continua a leggere...

STORIA DI “CHIAPPE”

Lezioni di Storia / La spigolatrice di Sapri, i bronzi di Riace e le chiappe di Napoleone A Sapri, in questi giorni, l’amministrazione comunale è stata investita da una slavina di polemiche, persino internazionali. Il Comune infatti ha commissionato allo scultore Emanuele Stifano una statua per commemorare la figura della Spigolatrice di Sapri, protagonista di una poesia risorgimentale legata alla spedizione di Carlo Pisacane contro i Borboni.

Continua a leggere
STUDIATE! Continua a leggere...

STUDIATE!

L’importanza dello studio Studiate! Per amore del sapere, mai per i voti. Perché sapere aiuta ad essere. E sapere tanto aiuta ad essere tanto. Studiate! Perché la cultura rende liberi e niente vale di più della libertà. Studiate!

Continua a leggere
THE FALLING MAN Continua a leggere...

THE FALLING MAN

Non dobbiamo indagare sui chi sia lui ma chi siamo noi attraverso quell’ immagine. L’identità dell uomo non ha importanza. L’immagine è così potente non perché l’uomo potrebbe essere identificato ma per il motivo opposto: a guisa del milite ignoto, rappresenta, infatti, tutti i caduti di quella funesta giornata. Altrettanto potremmo dire che oggi saremmo stati tutti  “the falling man” in quel drammatico contesto non avremmo avuto alternative: tragico destino, quindi, che ci accomuna tutti. 2975…

Continua a leggere

Iscriviti alla newsletter

    Ho letto e capisco la Politica sulla privacy e sui cookies e accetto di ricevere comunicazioni commerciali personalizzate di Fenomenologia della lingua italiana.