Cart 0

Modi di dire

amma fatt 30 Continua a leggere...

AMMA FATT 30 FACIMM PUR 31

UN DETTO POPOLARE MOLTO FAMOSO L’italiano è una delle lingue latine con più modi di dire o detti popolari: uno di questi, e forse uno dei più famosi, è “abbiamo fatto 30 facciamo pure 31″(in napoletano rende ancor meglio “amma fatt 30 facimm pur 31“). Il significato di questa frase è piuttosto semplice, ovvero un’esortazione ad osare di più.

Continua a leggere
sesso a Napoli Continua a leggere...

TUTTI I MODI PER DIRE SESSO A NAPOLI

Da “sciammeria” a “chiavata”: tutti i modi per dire “sesso” a Napoli Dall’ape che va sul fiore al romantico “fare l’amore” l’uomo ha sempre trovato modi metaforici ed addolciti per nominare l’atto più naturale della sua esistenza: il sesso. In qualunque momento della nostra cultura linguistica la parola “sesso” è sempre stata un tabù, qualcosa da mascherare e camuffare: pagine e pagine di metafore sono state scritte per evitare di pronunciare una parola semplice, solo…

Continua a leggere
candu infolla sa figu Continua a leggere...

CANDU INFOLLA SA FIGU, FRUMENTU A MANDIGU

Candu infolla sa figu, frumentu a mandigu Tanti sono i proverbi, o modi di dire che catturano l’attenzione dei nostri lettori, ma ho scovato questo che secondo me è veramente straordinario. La parola proverbio deriva dal lat. proverbium, der. di verbum ‘parola’. Sappiamo che il dialetto sardo si può definire così solo limitandone l’esclusività della lingua ma facciamo l’eccezione di provarlo a definire in modo semplice.

Continua a leggere
ten ò mazz Continua a leggere...

TEN O’ MAZZ

Ten o’ mazz “Nella vita è tutta una questione di culo: o ce l’hai o te lo fanno!” (Francesca Reggiani) Napoli è una città bellissima e multiculturale, qui convivono millenni di storia e la cultura della Magna Grecia si intreccia con quella latina. Forse per questo la lingua napoletana ha alcuni modi di dire intraducibili in italiano ma che hanno un’origine curiosissima. Per esempio, Ten o’ mazz viene detto di chi ha molta fortuna ma…

Continua a leggere

Iscriviti alla newsletter

    Ho letto e capisco la Politica sulla privacy e sui cookies e accetto di ricevere comunicazioni commerciali personalizzate di Fenomenologia della lingua italiana.