Cart 0

Modi di dire

ESSERE COME L'ORCIO DEI POVERI Continua a leggere...

ESSERE COME L’ORCIO DEI POVERI

Significa essere una persona scurrile, oscena. L’origine della locuzione risale al fatto che, un tempo, i liquidi alimentari, specialmente l’olio, venivano conservati in grandi recipienti di terracotta di varie forme e con la bocca ristretta, chiamati appunto “orci”. I poveri, a causa delle loro condizioni disagiate, dovevano accontentarsi di contenitori malridotti, spesso sudici. Da qui deriva l’uso figurato odierno. (Fonte Almanacco)

Continua a leggere
MACELLERIA MESSICANA Continua a leggere...

MACELLERIA MESSICANA

Nell’uso figurato, si dice di un evento di violenza estrema, privo di reali motivazioni e totalmente ingiustificabile. Il modo di dire risale all’espressione utilizzata da alcuni giornalisti italiani quando pubblicarono degli articoli descrivendo la “Rivoluzione Messicana(iniziata nel 1910) come una “bassa macelleria”, un massacro, una violenza gratuita contro indifesi. Il tragico evento storico ispirò anche gli Stati Uniti d’America con il modo di dire “Mexican standoff” che in italiano si può tradurre con “Stallo alla…

Continua a leggere
Palazzo dei veleni Continua a leggere...

Palazzo dei veleni

In principio, “Palazzo dei veleni” era usato per indicare la Procura di Palermo. Per estensione, l’espressione è utilizzata, nel linguaggio comune, per indicare qualunque istituzione o situazione infiltrata dalla mafia, corrotta o che mira a invalidare l’autorità giudiziaria. L’origine del modo di dire, coniata dai media, risale al 1988 quando alcune lettere anonime, contro l’operato di Giovanni Falcone, eroe simbolo della lotta alla mafia, arrivarono alla Procura di Palermo. (Fonte Almanacco)  

Continua a leggere
pezzo da novanta Continua a leggere...

Pezzo da novanta

E’ un modo di dire molto comune nella lingua italiana, indica un personaggio che riveste una posizione di prestigio, una personalità molto influente, potente, importante. Originariamente, la locuzione era utilizzata nell’ambiente della malavita per indicare un mafioso molto potente e temuto. L’uso deriva dal gergo militare, il “pezzo” fa riferimento al cannone, mentre “novanta” al calibro. (Fonte Almanacco)  

Continua a leggere

Iscriviti alla newsletter

    Ho letto e capisco la Politica sulla privacy e sui cookies e accetto di ricevere comunicazioni commerciali personalizzate di Fenomenologia della lingua italiana.