Intelligenza artificiale – la prima studentessa virtuale universitaria 74 views - 8 Giugno 2021 – Pubblicato in: Lo Sapevi che

Lo scorso venerdì 4 giugno Hua Zhibing si è iscritta alla Tsinghua University di Pechino,

una delle università e centri di ricerca più famosi e importanti di tutta la Cina.

Nulla di strano, così come non è inconsueto che la notizia sia stata comunicata dalla ragazza stessa attraverso il suo account Weibo. La differenza rispetto al solito è che Hua Zhibing è un’intelligenza artificiale e ora anche una “studentessa virtuale“.

Nel video, che potete visionare su Weibo (link in FONTE), la rappresentazione 3D della ragazza saluta i suoi fan, racconta che inizierà a frequentare i corsi e che è “appassionata di letteratura e arte sin dalla nascita. Gli scienziati non mi hanno solo dato una forma fisica e una voce, mi hanno anche insegnato a comporre“.

Tang Jie, professore al dipartimento di Scienze Informatiche nella stessa università, ha spiegato che l’intelligenza artificiale è stata effettivamente registrata tra gli studenti e che sperano possa imparare, esplorare e coltivare le proprie abilità creative e comunicative in futuro. Arrivando a dire che, terminato il corso di studi, potrebbe addirittura trovarsi un lavoro.

La Commissione europea propone nuove regole per l’intelligenza artificiale Android

Queste regole hanno l’obiettivo di far crescere la fiducia degli utenti in una nuova e versatile generazione…

Intelligenza artificiale – la prima studentessa virtuale universitaria, Fenomenologia
Intelligenza umana vs. artificiale: la sfida tra neuroni e algoritmi. Lo studio utilizza alcuni giochi Atari per dimostrare alcune affinità.

Mettendo per un attimo da parte quello che, chiaramente, è anche un colpo di marketing, dietro al progetto Hua Zhibing c’è l’ultima versione del modello cinese di deep learning Wudao, che in cinese indica la comprensione delle leggi della natura. L’obiettivo di Wudao 2.0 è quello di creare un’intelligenza cognitiva basata sull’acquisizione di dati e conoscenze, cercando di avvicinarla al pensiero dell’uomo e facendo sì che possa superare il test di Turing, ha spiegato Tang Jie stesso.

Parliamo di un progetto sperimentale di grande interesse ma forse poco legato a quella che è la nostra vita quotidiana nel breve e medio periodo. Resta indubbio che l’intelligenza artificiale stia diventando un elemento pervasivo delle nostre vite e che le istituzioni stesse si stanno muovendo per creare regole sempre più chiare per sfruttarla.

(Fonte bit.ly/3gl1T7t)