ER PIZZICAROLO 289 views - 24 Maggio 2021 – Pubblicato in: Modi di dire, Parole

ER PIZZICAROLO

Forse non tutti sanno che er Pizzicarolo a Roma è ‘n’istituzione.
Quanno stai davanti a quer bancone, te sembra d’esse’ tornato nell’anni ’80 perché er pizzicarolo er “restyling”

non sa manco che è, capace che se crede che è ‘n prociutto svedese.

Davanti e dietro a lui c’è tutto un mondo alimentare, er paese delle meraviglie co’ zaffate de odori che arrivano da ogni dove… sottaceti, olive sottolio, pesto, ricotta de capra, de mucca, asparagi, buste de riso, buste de facioli e de ceci, prociutti appesi salami e salamelle.

Er pizzicarolo t’accoje come ‘n padre e come entra ‘na signora diventa ‘n cavaliere d’altri tempi “a lei che je faccio, bella signora?”, se non ce fosse er bancone je farebbe er baciamano.

Lui sa tutto, alla perfezione, do’ prende la roba senza manco guarda’, la pesa a occhio. Poi te dice: “só du etti e mezzo, lascio?!” e te je dici “sì sì, lascia” pure se avevi ordinato ‘n etto.

Quei gamberetti pescati in chissà quale decennio (se so’ stati pescati), tutti uguali, parono fatti co’ lo stampo e messi lì all’angolo sott’olio. Ma voi avete mai visto qualcuno comprà quei gamberi così grossi? Però stanno là, so’ de decoro, insieme al vascone der pesto e la ricotta cor mestolo infilato.

Pe’ non parla dei chili e chili de pane e pizza bianca e quella rossa con nà cifra d’olio.
E poi ce sta la cosa più importante, la mortazza perché tutto pò manca’ ma la mortazza ce deve sta sempre, fatece caso.
Perchè se l’inglesi c’hanno er tè delle 17:00, noi c’avemo la pizza co’ la mortazza delle 11.00
Ma quanti regazzini so’ cresciuti sani e forti dar pizzicarolo?

Perciò noi oggi a tutti i Pizzicaroli de Roma je dimo solo nà parola. Grazie.

(Fonte FB Fatece caso)